Il fumatore d’oppio

Un’originale opera di gusto orientalista per il soggetto maschile che sostituisce l’abituale soggetto femminile di questo genere di iconografia: una figura distesa su un un letto o un sofà in atteggiamento sensuale. Il dipinto “Fumatore d’oppio” di Luigi Scorrano (Lecce, 1849 – Urbino, 1924) ritrae un giovane ragazzo vestito alla turca, con una tunica e un turbante bianchi, mollemente sdraiato su un letto ricoperto di stoffe a disegni floreali e da una coperta rossa. Ha gli occhi chiusi e sul suo viso è dipinta un’espressione sorridente e soddisfatta, nella mano tiene ancora il bocchino e in primo piano campeggia il narghilé. E’ adagiato su un fianco, in una posa solitamente legata alla figura femminile. Il dipinto, che misura cm 135×210, è firmato e datato 1872.

Pasquale LiottaEsiste un dipinto con soggetto simile del pittore Pasquale Liotta (1850 – 1909) intitolato “L’effetto dell’hashish” del 1875, che si trova al Museo Civico di Castello Ursino di Catania.  Entrambi gli artisti, Scorrano e Liotta, furono allievi di Domenico Morelli (1823 – 1901), direttore dell’Accademia di Napoli, considerato uno dei più importanti artisti napoletani dell’Ottocento. Poiché interessato a sviluppare la moda della pittura orientalista, aveva creato questo soggetto per un gruppo di studenti, fra cui appunto Scorrano e Liotta. Scorrano, che frequentò l’Accademia di Belle Arti di Napoli, era uno degli allievi prediletti di Morelli, che sostituì per due anni (1899 – 1900) durante l’assenza del maestro per motivi di salute. Studiò anche con Eduardo Dalbono (1841 – 1915) e Giuseppe Mancinelli (1813 – 1875). Vinse parecchi concorsi e partecipò a varie mostre, a Napoli, Venezia, Roma, Milano, Livorno, Genova e Ferrara. Il soggetto del dipinto è curioso anche perché Scorrano si dedicò soprattutto a dipinti di genere e di soggetto religioso, ma è evidente che in questo caso egli risentì della moda orientalista dell’epoca. Morì a Urbino, dove insegnò pittura all’istituto di Belle Arti, del quale fu anche direttore.

Chi fosse interessato contatti Galleria Baroni: 333.2804000

The painting “Opium Smoker” by Luigi Scorrano (Lecce 1849 – Urbino, 1924) portrays a young boy dressed in a turkish dress, a tunic and a white turban, lying on a bed covered with floreal ornaments and a red blanket. His eyes are closed and the face has a smiling and satisfied expression. He is still holding the hookah mug in one hand. He is lying on one side, in a sensual pose. The painting, which measures cm 135×210, is signed and dated 1872.

There is a similar painting of Pasquale Liotta, entitled “The Effect of the Hashish” of 1875, located at the Civic Museum of Castello Ursino in Catania. Both artists, Scorrano and Liotta, were students of Domenico Morelli (1823 – 1901) director of the Academy of Naples and one of the most appreciated painter on Napoli in the XIXth century. Scorrano, who attended the Academy of Fine Arts in Naples, was one of Morelli’s favourite students. He also studied with Eduardo Dalbono (1841 – 1915) and Giuseppe Mancinelli (1813 – 1875). He won several competitions and participated in various exhibitions in Naples, Venice, Rome, Milan, Livorno, Genoa and Ferrara. The subject of the painting is also curious because Scorrano was mainly devoted to gender and religious paintings. In this case he was affected by the Orientalist fashion of the time. He was named director of the Institute of the Royal School of Painting in Urbino, where he died in 1926.

Contact Galleria Baroni 333.2804000.